.. Loading ..

Evoluzione e rivoluzione

Mi sono laureata in Giurisprudenza nel 2001, e ho cominciato a lavorare da subito. Mi sembrava quasi un gioco, perché sono partita occupandomi di eventi sponsorizzati da case farmaceutiche, e poi di formazione professionale medico-scientifica. Era un ambito molto lontano dalla mia area di studi.

Ho saputo poi per caso che al Fasi, Fondo di Assistenza Sanitario Integrativa, si era aperta una posizione. E dopo otto anni sono ancora con loro, come responsabile della comunicazione. Nel tempo ho creato il mio ufficio da zero, riorganizzando (con il supporto dell’azienda informatica Selda) la comunicazione del Fondo in senso innovativo.

In un momento storico che vede un passaggio cruciale dalla stampa al digitale, mi sono dedicata a sviluppare le relazioni esterne. L’ente aveva infatti una comunicazione univoca, istituzionale, standardizzata e scadenzata da tempistiche lunghissime, che non prevedeva alcuna forma di coinvolgimento e partecipazione con i suoi stakeholder. Il mio obiettivo era dunque trasformarla in una comunicazione snella, diretta, friendly e comprensibile e traghettare l’ente dalla carta al digitale, preparando nello stesso tempo anche i 300 mila assistiti. Inoltre era necessario coinvolgere la presidenza e la direzione, stimolando la realizzazione di eventi sul territorio e la comunicazione anche attraverso video.

Grazie al lavoro di alcuni presidenti molto determinati, il Fasi si è sempre più affermato come secondo pilastro nel Sistema Sanitario Nazionale. Un fondo integrativo che oggi è spesso consultato quando si tengono tavoli istituzionali. È quindi sbocciata una nuova era per l’ente, che attraversa una fase di cambiamento, fortemente voluta anche dalle parti sociali (Confindustria e Federmanager) e dalla dirigenza. C’è ancora dell’altro da fare, ma grazie a tanti piccoli passi il Fasi può già essere fiero di alcuni risultati, che hanno fortemente migliorato la sua immagine, solidità e stabilità.

Lavorando alla sua trasformazione, ho partecipato attivamente a tre momenti importanti del processo di rinnovamento del Fasi. Il primo è stato l’intera ristrutturazione del sito web. In pratica sono riuscita a conquistare la fiducia della direzione, all’epoca ancora un po’ restia al cambiamento, e a ottenere l’accesso ad una piattaforma che per ben 35 anni era stata gestita altrove. Nonostante l’iniziale perplessità rispetto agli effetti che avrebbe potuto avere sugli assistiti (oggi più che soddisfatti) è stato un successo che ha agganciato l’ente alla contemporaneità.

Il secondo ha riguardato la celebrazione del quarantesimo anniversario dell’ente, nel 2017, un evento che ho seguito con amore e costruito in tutti i dettagli, ripreso da stampa e tv.

E poi l’ultima piccola soddisfazione: la realizzazione dell’applicazione del Fasi, che permette agli assistiti di gestire le proprie pratiche e ottenere tutti gli aggiornamenti attraverso lo smartphone.

 

Valentina Morgia
Responsabile comunicazione
Fasi
www.fasi.it

Fissa un appuntamento